INTRART-12_1475076167077
cultureaetnae-10

facebook
youtube
instagram

Notturno etneo

1992

Franco Sciacca

notturno etneo, franco sciacca, etna, sera, vigneto, verismo, murales linguaglossa

In questo notturno etneo c’è tutta la vibrante passione del maestro Sciacca per i paesaggi siciliani, per la civiltà contadina, con i suoi valori le sue tradizioni il suo attaccamento alla terra e alla dignità del lavoro. Nelle sue opere sembrano rivivere le atmosfere di tante novelle di Verga e dei versi di Quasimodo, di quella Sicilia contadina piena di contrasti e di forze primordiali (notte, fuoco, sole, terra, vento, acqua) che si alternano in una «dialettica che ai suoi estremi ha il lavoro e la quiete, le ore colme del meriggio e quelle precarie, trascoloranti, abbrividenti dei tramonti e dei mutamenti atmosferici» (Cit. Antonio di Grado).

La composizione nasce da un’intensa ricerca cromatica fatta di piccoli tratti di luce e colore- che oggi forse meno si apprezzano per via di un lieve deterioramento della superfice pittorica- e che trova forza nello scorcio prospettico che da un primo piano di forme definite (i grappoli di uva) si perde nell’intuizione delle forme fino alla cima innevata del vulcano. 

 




Create a website